Giovanni di Chino Rondinelli - Bandierai e Musici di Castel San Barnaba - Sbandieratori del Mugello

Vai ai contenuti

Menu principale:

Giovanni di Chino Rondinelli

Vessilli

Giovanni di Chino Rondinelli

Giovanni di Chino Rondinelli

La famiglia di antiche origini fiorentine, discende da un Rondinello di Olivieri la cui presenza a Firenze è documentata nel 1192; famiglia popolare appartenente al partito guelfo, i Rondinelli presero parte attiva al governo repubblicano instauratosi nel 1282.
Ebbero tra i loro membri 33 priori e 12 gonfalonieri  di Giustizia.
Nei giorni che precedettero la capitolazione di Firenze nel 1531, Francesco di Ghino si impegnò alla difesa della Repubblica ed una volta preso il potere, Alessandro dei Medici Francesco venne condannato alla pena capitale. Alessandro di Giovanni fu partigiano mediceo, venne incaricato da Clemente VII del governo del Casentino e dopo la resa di Firenze, fu eletto nella Balia  di cittadini incaricati di riformare lo stato.

Commissario di Borgo S. Sepolcro fu avvicinato dai fuoriusciti antimedicei e dopo il loro annientamento nella battaglia di Montemurlo, fu condannato a morte da Cosimo I.
Durante il principato diversi membri della famiglia furono chiamati a ricoprire prestigiosi incarichi politici .
Si ricorda Giovanni Battista che vestì l’abito dei cavalieri di Malta e nel 1653 Antonio di Ottaviano che fu eletto senatore.
Nel 1751 la famiglia fu ascritta al patriziato fiorentino.
La famiglia si estinse nel 1880

Ricerca effettuata dalla
Prof.ssa Giuseppina Carla Romby
Docente di Storia dell‘Architettura presso l’Università degli Studi di Firenze


 
Torna ai contenuti | Torna al menu