Francesco di Martino Scarfì - Bandierai e Musici di Castel San Barnaba - Sbandieratori del Mugello

Vai ai contenuti

Menu principale:

Francesco di Martino Scarfì

Vessilli

Francesco di Martino Scarfì

Francesco di Martino Scarfì

I Dello Scarfa provenivano da San Donnino e nel 1332 un ser Benincasa di Ciuto risulta notaio della Signoria.
Anche il figlio Domenico esercitò il notariato al servizio della Signoria tra 1361 e 1371, mentre il figlio Francesco partecipò alla Signoria nel 1363 e 1374.
Francesco di Martino fu ripetutamente priore e una volta, nel 1494, Gonfaloniere; al tempo del suo gonfalonierato ricevette da Carlo VIII re di Francia il titolo di Cavaliere e il privilegio di inserire nella sua Arma la Croce di Gerusalemme accostata.

Egli fu anche Soprintendente allo Studio fiorentino. Morì il 19 aprile 1501 e fu sepolto in S. Maria Novella.
Ultimo della famiglia a partecipare alla signoria fu Giuliano di Giovanni di Martino eletto priore nel 1500, morto il 20 marzo 1510 e sepolto in S. Maria Novella.
Gli Scarfì tornano ad essere presenti nella vita pubblica con Bencivenni di Martino nato il 19 settembre 1576 che fece parte dei Duecento e morì nel 11 giugno 1667 avendo sepoltura in S. Maria Novella.
I Dello Scarfa o Scarfì furono immatricolati nell’arte della lana e si arricchirono come mercanti; ebbero case nel popolo di S. Pancrazio, quartiere di S. Maria Novella.

Ricerca effettuata dalla
Prof.ssa Giuseppina Carla Romby
Docente di Storia dell‘Architettura presso l’Università degli Studi di Firenze


 
Torna ai contenuti | Torna al menu